Nota della CEI (Conferenza episcopale italiana) in data 15 aprile 2020, che riprende quanto in precedenza stabilito, cioè che è consentito l'accesso alla chiesa più vicina a casa e ad altre chiese "in occasione degli spostamenti comunque consentiti, cioè quelli determinati da comprovate esigenze lavorative o da necessità, e che si trovino lungo il percorso già previsto, in modo che, in caso di controllo da parte delle forze dell'ordine, si possa esibire o rendere la prevista autodichiarazione".