LUNEDÌ DELLA II SETTIMANA DI PASQUA

Prima Lettura   At 4, 23-31
Terminata la preghiera, tutti furono pieni di Spirito Santo e proclamavano la parola di Dio con franchezza.

Dagli Atti degli Apostoli
In quei giorni, rimessi in libertà, Pietro e Giovanni andarono dai loro fratelli e riferirono quanto avevano detto loro i capi dei sacerdoti e gli anziani.
Quando udirono questo, tutti insieme innalzarono la loro voce a Dio dicendo: «Signore, tu che hai creato il cielo, la terra, il mare e tutte le cose che in essi si trovano, tu che, per mezzo dello Spirito Santo, dicesti per bocca del nostro padre, il tuo servo Davide: “Perché le nazioni si agitarono e i popoli tramarono cose vane? Si sollevarono i re della terra e i prìncipi si allearono insieme contro il Signore e contro il suo Cristo”; davvero in questa città Erode e Ponzio Pilato, con le nazioni e i popoli d’Israele, si sono alleati contro il tuo santo servo Gesù, che tu hai consacrato, per compiere ciò che la tua mano e la tua volontà avevano deciso che avvenisse. E ora, Signore, volgi lo sguardo alle loro minacce e concedi ai tuoi servi di proclamare con tutta franchezza la tua parola, stendendo la tua mano affinché si compiano guarigioni, segni e prodigi nel nome del tuo santo servo Gesù». Quand’ebbero terminato la preghiera, il luogo in cui erano radunati tremò e tutti furono colmati di Spirito Santo e proclamavano la parola di Dio con franchezza.


Vangelo   Gv 3,1-8
Nessuno può vedere il regno di Dio se non rinascere dall'alto.

Dal vangelo secondo Giovanni
Vi era tra i farisei un uomo di nome Nicodèmo, uno dei capi dei Giudei. Costui andò da Gesù, di notte, e gli disse: «Rabbì, sappiamo che sei venuto da Dio come maestro; nessuno infatti può compiere questi segni che tu compi, se Dio non è con lui». Gli rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce dall’alto, non può vedere il regno di Dio». Gli disse Nicodèmo: «Come può nascere un uomo quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?». Rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito. Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito».


COMMENTO
  • Pietro e Giovanni, rilasciati dal Sinedrio ritornano, ritornano nella comunità dei discepoli.
  • La comunità si riunisce in preghiera. Notiamo: tutti insieme, con un solo animo. E' una parola che ricorre sovente negli Atti, seppure tradotta diversamente,  per es.: 1,14 Erano perseveranti e concordi nella preghiera; 2,46 erano perseveranti insieme nel tempio. E' IL SENSO DELLA COMUNITÀ: LO SENTIAMO? OPPURE CIASCUNO VA PER CONTO SUO? SO BENE, NON E' COSI' FACILE LAVORARE INSIEME, COL-LABORARE, MA...
  • Quanto è avvenuto per Gesù è  la realizzazione del piano/progetto/disegno di Dio. Sempre la stessa idea: la storia, nel rispetto della libertà umana - talvolta verrebbe da dire: purtroppo - procede lungo la vita tracciata da Lui, da Dio - e questo ci rassicura.
  • La comunità non chiede la fine della "persecuzione", ma di poter annunciare con franchezza, senza paura, la Parola di Dio. Questo è ciò che sta loro a cuore. E NOI DI CHE COSA CI PREOCCUPIAMO, SPECIALMENTE IN QUESTO TEMPO DI EMERGENZA? MA ANCHE IN SITUAZIONE NORMALE CI STA A CUORE IL NOSTRO ANNUNCIO/TESTIMONIANZA DELLA PAROLA O CE NE STIAMO BEN ZITTI, BEN NASCOSTI?
  • In questo tempo di Pasqua leggeremo in forma quasi continua il vangelo di Giovanni (nella scorsa settimana invece abbiamo ascoltato i racconti delle apparizioni/manifestazioni di Gesù risorto).
  • Ci è offerto oggi l'inizio del dialogo fra Gesù e Nicodemo,fariseo interessato alla parola e all'operato di Gesù. Una prima espressione chiave è vedere il Regno di Dio/entrare nel Regno di Dio. Solo qui Giovanni parla di regno di Dio (frequente invece negli altri vangeli). E' la vita nuova di figli di Dio.
  • E' possibile riceverla solo come dono, attraverso una nuova generazione, opera dello Spirito Santo.
  • Dio Padre mediante il Suo Spirito ci comunica la vita divina di figli (nel Credo diciamo dello Spirito Santo: "è Signore e dà la vita"). Ecco la seconda parola chiave: nascere dall'alto (noi giustamente pensiamo al battesimo).
  • Dettaglio curioso. La parola usata da Gesù nel senso di "dall'alto", può anche significare "di nuovo", ed è in questo secondo senso che la intende Nicodemo. E' un procedimento frequente in Giovanni e offre la possibilità di approfondire il messaggio di Gesù.

        Piattaforma diocesana
   per i giovani - #sharethecare

sharethecare.jpg

            logo_giovani_UP12.png   
    Unità Pastorale Giovanile 12 

                Instagram_2.png             Facebook logo 36x36

Logo rettangolare cottolengo